Recensioni

Sui miei lavori La Sovranità dei Robot, Leonardo Da Vinci in Pop, Elettro Acqua 3D e Marco di Noia hanno scritto tantissimi giornalisti che ringrazio sentitamente. Seguono alcuni estratti da alcune delle recensioni più lusinghiere ricevute, divise per lavoro, e riportante le firme dei giornalisti in rigoroso ordine alfabetico per cognome.

LA SOVRANITA’ DEI ROBOT (2020)

Il suo nuovo EP, infatti, è frutto di un esperimento complesso e meravigliosamente perfezionista […] un progetto davvero originale nello scenario contemporaneo, molto lungimirante e avanguardista. […] La maturità artistica e il suo spirito all’avanguardia sono i valori aggiunti di un talento che è frutto di impegno, sforzi, sacrifici, dedizione e tanta passione. Coraggio e intraprendenza, inoltre, sono ingredienti chiave per cimentarsi in avventure così ambiziose e uniche, proprio come quelle a cui Marco Di Noia ci ha abituati”. Asia Angaroni per Notizie.it – 28/10/2020

“Esploratore di suoni, temi, fonde suggestione, Marco Di Noia è un cantautore assolutamente atipico. Giornalista, musicista, scrive canzoni a progetto e passa da un interessa all’altro con grande nonchalance […] Non è da tutti pensare a un disco dedicato all’intelligenza artificiale, per di più suonato con chi è programmato ad esercitarla “. Ugo Bacci per l’ Eco di Bergamo – 3/11/2020

“In ogni caso le cinque tracce che ci propone Marco Di Noia vi stupiranno e vi metteranno di buon umore. […] l’approccio accademico che Di Noia usa per accostarsi al tema si persepisce sia nei suoi testi che nella ricerca della novità, che ha portato l’artista ad esperienze molto suggestive […] Assolutamente per voi se vi piacciono i saggi sulla cultura pop e interpretare la fantasia come lente per conoscere meglio la realtà”. Giulio Ciocca per PoliRadio.it – 1/11/2020

“Marco Di Noia, ingegnoso cantautore sperimentale, torna con la “Sovranità dei robot […] Marco si conferma visionario”. Marco D’Auria per Askanews – 22/10/2020

“I brani sono caratterizzati dalle esplorazioni musicali date dalla presenza dei due robot reali, registrati come fossero persone”. Un gioco artistico-musicale che è anche un gioco etico, un divertissement quasi filosofico che spinge l’asticella dell’opera concettuale sempre più in su”. Priscilla Lucifora per Rumors.it – 25/10/2020

“In un’opera atipica dai suoni sintetici il resto lo fa la voce di Di Noia, che con un’estensione di quasi quattro ottave si muove tra falsetti e acuti”. Raffaella Oliva per Corriere della Sera – 11/11/2020

Nasce così il suo ultimo lavoro “La sovranità dei robot”, che riporta ad un sound pop/elettrico che si ispira agli anni ’80. La vocalità di Marco di Noia è eccezionale. […] E la sua storia può e deve essere di stimolo a tutti quegli artisti che credono nel proprio sogno di diventare un giorno un cantante”. Elisabetta Piselli per Milanodavedere.it – 6/11/2020

Marco Di Noia, cantautore  milanese che con ‘La sovranità dei robot’ aggiunge un terzo capitolo al suo cammino verso la sperimentazione, suo vero ‘marchio di fabbrica’“. Daniele Rossignoli per IlMohicano.it – 22/10/2020

Marco Di Noia torna a sorprendere con La Sovranità dei Robot“. Rosa Spampanato per RivistaZoom.it – 22/10/2020

LEONARDO DA VINCI IN POP (2019)

Si percepisce l’entusiasmo, la passione e lo studio minuzioso di un artista che ha tanto da dare, di un uomo dalla cultura densa di competenze ed esperienze […] Con la sua voce di quasi quattro ottave di estensione vocale e un falsetto dotato di rara pulizia timbrica, ha intonato un inno interamente dedicato al formidabile genio rinascimentale […] Zelo, studio intenso e passione smisurata hanno dato vita al progetto del cantautore milanese dal gusto eclettico e sperimentatore […] Marco preferisce contraddistinguersi nella sua originalità, proteggere la sua arte e la sua musica dall’omologazione dei nostri tempi”. Asia Angaroni per Notizie.it – 27/11/2019

La curiosità e la libertà del musicista indipendente hanno alimentato il progetto musicale […] Non un’opera di musica ‘sperimentale’ in senso stretto, ma cinque canzoni pop che fondono pop e tradizione in una maniera che potremmo definire ‘leonardesca'”. Piero Chianura per BigBox – 02/2020

Che sorpresa il Leonardo pop di Di Noia […]  L’ha partorito un altro genietto multidisciplinare d’oggi […] in un mix acustico e ritmico originale, requisito del resto peculiare di Marco di Noia”. Massimo Iondini per Avvenire – 23/10/2019

Marco Di Noia è un intellettuale di spicco […] la sua caratteristica è quella di essere un innovatore. Sempre un passo davanti agli altri […] Non sorprende, quindi, che lui, pioniere delle nuove frontiere musicali, abbia dedicato a Leonardo Da Vinci, forse il più grande inventore della storia, il suo nuovo album “. Mario Furlan per LifeCoach.TgCom24.it – 29/11/2019

Di Noia si propone da sempre come un artista nel senso ampio della parola”. Francesco Nicolini per LOpinionista.it – 7/06/2020

Ma ho sempre avuto lo stesso sentimento per i musicisti, perché hanno il dono di riuscire a mettere su carta (e poi a suonare) quei sentimenti che spesso provo a livello ancestrale. Perciò per me oggi parlare all’unisono di Leonardo da Vinci e di un valente artista come Marco Di Noia, è fare bingo…”. Giancarlo Passarella per MusicalNews.com – 5/07/2020

avevo voglia di farlo conoscere ancora meglio perché ha mezzi vocali non usuali, da sopranista e oltre, al servizio del rock. Anche se il suo animo, anche per stile, è sempre molto barocco. Difficile sentirgli fare un nota lunga, perché mai visto che ci può arzigogoleggiare allegramente? “. Fabio Ricci per MusicaDaMilano.com – 6/12/2019

Estrema, a tratti inquietante l’idea di coniugare pop e musica sperimentale concretizzata da Marco di Noia dedicando l’EP in download ‘Leonardo Da Vinci in Pop’ spiazza e avvince”. Andrea Spinelli per Il Giorno – 27/12/2019

Un’operazione decisamente ammirevole quella di Di Noia, che riesce ad omaggiare il grande genio di Leonardo in maniera insolita, dando vita a canzoni attuali ma anche senza tempo”. Doriana Tozzi per Rockit.it – 24/12/2019

ELETTRO ACQUA 3D (2018) e LIVE

Elettro Acqua 3D, il rivoluzionario “app album” per viaggiatori in 3D audio di Marco Di Noia […] Un’autentica esperienza sonora, più che un semplice album musicale “. Fabrizio Basso per NoteSpillate.it – 11/01/2019

“In questo modo, gli spettatori si sono immersi nell’acqua profonda di un concept album che traccia viaggi per il mondo, fatti di suoni di mare, onde, fiumi, lacrime […] Il live di “Elettro Acqua” è mitologia antica dell’acqua attraverso l’elettronica, immersione in un synth-pop dal movimento perpetuo, a tratti più incalzante, che profuma di liberatorio ritorno alla natura, alle nostre radici più profonde. Cullato da sonorità piovute dal cielo in cuffia, l’ascoltatore si arrende e si abbandona a questa avventura. E nel giorno in cui tutto il mondo studentesco manifesta in difesa dell’ambiente, si torna a casa contenti e ispirati”. Libera Capozzucca per Carteggiletterari.it – 16/03/2019

“Quello a cui abbiamo assistito è stato il primo concerto in 3D audio, dove le cuffie, considerate uno dei simboli dell’estraneità dell’individuo, sono state il canale comunicativo e di unione tra pubblico e artisti. Un live che ha sintetizzato il concetto tradizionale e di un possibile e futuro modo di vivere gli spettacoli di musica dal vivo”. Irma Ciccarelli per MilanoWeekend.net – 16/03/2019

“Elettro Acqua 3D, innovativo e hi-tech per diversi motivi: si tratta infatti del primo concept album realizzato con la tecnologia del 3D audio ed è anche il primo app album italiano, con pochi precedenti a livello internazionale”. Federico Durante per Billboard.it – 15/11/2018

A forma è anche sostanza, almeno nel caso di “Elettro acqua 3D”, il primo app album italiano. Non è un vinile, non è un cd e non è nemmeno un file mp3 […] La musica e le immagini scorrono come l’acqua, protagonista assoluta del disco, che parte dai navigli di Milano per poi farvi ritorno, dopo un percorso attorno al mondo in cui ogni tappa si fa occasione per affrontare tematiche sociali, letterarie e ambientaliste”. Francesca Milano per IlSole24Ore.com – 1/01/2018

Fuori e pieni di talento. […] è in realtà la parte musicale che mi ha fatto capitolare, e vestire i panni di fan numero uno di Marco di Noia e Stefano Cucchi […] per altro la voce di Di Noia è portentosa, dotata credo di quattro ottave, qualcosa degno di un cantante di lirica, o forse heavy Metal, davvero prodigiosa […] Una sorta di raduno dei partigiani della buona musica in un’era di banditi della trap […] Come è impossibile ricordare tutte le stravaganze e le modernità che i due autori hanno pensato per rendere la fruizione quantomai avvincente e contemporanea. Un nuovo modo di fare musica antica. Una rivoluzione pacifica, e quindi bellissima”. Michele Monina per IlTassoDelMiele.com – 11/01/2019

Si intitola Elettro Acqua 3D ed è probabilmente uno dei progetti musicali più all’avanguardia realizzati negli ultimi anni. Se poi ci aggiungiamo che è tutto made in Italy c’è davvero di che andarne fieri e cercare di capirne un po’ di più […] Come il titolo lascia intendere, si tratta di un progetto di musica elettronica incentrato sull’acqua, che porta l’ascoltatore in una vera e propria immersione sonora: le tracce sono infatti intervallate da interludi 3D, realizzati dando ai suoni una forma tridimensionale e offrire così un’esperienza di ascolto totalizzante. Se quindi pensavate che solo il caro, vecchio vinile potesse ancora offrivi la miglior qualità di ascolto, forse non eravate molto aggiornati… “. Roberto Pancani per Bitsrebel.net – 13/01/2019

Non sempre i miracoli fanno rumore: qualche volta per realizzarsi cercano angoli di pace dove poter prendere forma. E un miracolo musicale ha preso una forma “tridimensionale” a Milano […] Di Noia, Cucchi e Cutolo hanno dimostrato come restando anche nel solco dell’indipendenza si possano realizzare piccoli-grandi miracoli all’insegna della vera sperimentazione.
La grande discografia dovrebbe prendere appunti…”.
Roberto Pancani per Bitsrebel.net – 16/03/2019

“Il centro del palco è tutto per Di Noia, affiancato da un singolare microfono composto da due orecchie di gomma in cima ad un’asta […]  Il frontman è disinvolto e stupisce con il suo canto insolito: molto serrato nelle strofe e barocco nei numerosi falsetti […] Follia o visione? Difficile dare una risposta nell’immediato, il futuro di questo progetto potrà sicuramente fornire tutte le risposte del caso. Ciò che oggi rimane è il coraggio di voler proporre sul mercato un’esperienza innovativa, indubbiamente lontana dal modo di concepire la musica di oggi, e per questo motivo dall’anima autentica e passionale”. Michelangelo Paolino per OnStage.com – 18/03/2019

Un’opera al vertice per tecnologia di riproduzione del suono […] ma senza dimenticare, che trattasi di un disco musicalmente intrigante in sé “. Andrea Pedrinelli per Avvenire – 5/03/2019

Più che un disco, un’esperienza sonora da attraversare sullo smartphone: questo è ‘Elettro Acqua 3D’, progetto del cantautore Marco Di Noia e del musicista Stefano Cucchi, pubblicato recentemente come applicazione gratuita per iOS e Android. La sua unicità non risiede solo nel metodo di distribuzione (sperimentato da pochi al mondo), ma nella particolare cura per il suono grazie al mixaggio 3D dinamico in binaurale, studiato per l’ascolto in cuffia”. Federico Pucci per ANSA – 15/10/2018

Beh è un disco in effetti totalmente Barocco, per come è stato scritto e pensato. Molto originale, molto interessante, con molti contaminazioni. Come se Bach si fosse scontrato con un camion pieno di sintetizzatori, che poi è ingiusto anche perché ci sono strumenti di tutti i tipi anche analogici“. Fabio Ricci per MusicaDaMilano.com – 15/10/2018

E’ un prodotto artistico che va oltre il concetto di musica liquida […] Si tratta di un concept album (dal sapore progettuale molto vintage ma con un approccio che guarda con lungimiranza al futuro) […] Assolutamente originale e visionario, una sintesi in perfetto equilibrio fra il romantico passato in vinile e il presente in digitale”. Luca Varani per Adesso – 19/02/2019

Si rifà come struttura ai grandi dischi degli anni ’70 ma che, musicalmente, suona fresco ed innovativo”. Luca Varani per Adesso – 09/2019

Primo concept album in 3D audio e primo app-album italiano è anche a fianco di Amref Health Africa nella promozione del diritto alla salute delle comunità africane, che ha offerto il proprio patrocinio per l’importanza e la sensibilità con cui sono stati trattati i temi dell’album, come l’importanza dell’acqua per l’uomo, l’immigrazione, la guerra e la salvaguardia del pianeta“. FamigliaCristiana.it – 18/03/2019

MARCO DI NOIA (2012)

“La canzone di chiusura, tradizionale ballata, è un piccolo miracolo di musica e parole. Se cantautori si nasce, Marco di Noia ha sicuramente del talento lirico e compositivo”. Libera Capozzucca per Rockit.it – 19/04/2013

Andatevi a vedere su Youtube «“Crisi Superstar”, fra cabaret e canzone d’autore sulla crisi globale. Il disco del cantautore milanese Marco Di Noia è sostenuto da Via del Campo 29 Rosso la “casa dei cantautori genovesi”, che sorge nel cuore del centro storico di Genova nella famosa via resa celebre da Fabrizio De Andrè. Nell’album spicca anche un’altra canzone “Il Valzer del Cappellaio Matto”, una sorta di stralunata forma di espressiva fra cartone animato e caffè concerto. Curiosa e spettacolare”. Mario Luzzatto Fegiz per Corriere.it – 19/04/2013

Un approccio a metà tra l’ironia sui nostri tempi e la satira pungente, entrambi leit-motiv di ogni creazione artistica del cantautore milanese […] In tutto sono sei brani in cui il giovane cantautore milanese con sguardo lucido e intelligente fa un ritratto ironico della società moderna […] Di Noia dipinge con quel pizzico di sarcasmo in stile Jannacci e con l’occhio attento e scrutatore della realtà che fa spesso capolino nei brani”. MA.CE per L’Eco di Bergamo – 12/03/2013