• Senza categoria

Record zoologici

Qual è l’animale che provoca più morti tra gli uomini? Il più veloce? Quello con le corna più lunghe? Un viaggio tra i record e le curiosità del mondo animale.

Leoncino

Il principe ereditario della foresta.

Parliamo di animali. Iniziamo dal “porcellum”: constato allegramente che ad oggi il comitato referendario NO PORCELLUM contro i nominati in Parlamento ha raccolto 1.200.000 firme (bravi ragazzi, siamo con voi!).

Dopo questo flash d’agenzia, prendiamo ad occuparci degli animali, quelli propriamente definiti, benché talvolta siano meno animali loro di taluni umani. E non è moralismo spiccio se pensate che nessuna specie animale, salvo squilibri del sistema, provoca consapevolmente l’estinzione di un’altra specie, mentre alcuni dei nostri confratelli umani, per denaro e superstizioni omeopatiche, stanno per relegare le balenottere azzurre e le tigri siberiane alle pagine dei pressoché fantastici bestiari medievali.

SafariPark

Il Safari Park di Pombia

Il tema di oggi è dedicato ai guinness dei primati zoologici: un’argomentazione che mi è stata ispirata dall’interessantissimo opuscolo che il Safari Park di Pombia (Novara) dà ai suoi visitatori… che poi, se devo essere sincero, più che avermi ispirato, l’opuscolo è fondamentalmente la fonte diretta delle curiosità che sto per riportare. Quindi per ringraziare il Safari Park per l’inconsapevole aiuto nella redazione di questo testo, vi invito ad andarlo a visitare: gli animali hanno grandi spazi a disposizione e non sono costretti alle solite gabbiacce da zoo. Un’unica cautela: chi, come me, soffre l’aria condizionata in macchina, è bene che non scelga di andare in una giornata afosa, dato che i finestrini devono essere obbligatoriamente chiusi nei recinti dei carnivori e, prudentemente, anche in quelli degli erbivori: la presenza di molti animali attira tafani, calabroni (e simili), che entrando dal finestrino potrebbero rendere la guida un po’ troppo movimentata… l’alternativa è la sauna motorizzata.

I PIU’ PERICOLOSI

Squalo Bianco

L'uomo ammazza 73 milioni di squali all'anno.

Qual è la classifica dei sei animali più pericolosi per l’uomo? Dunque al sesto posto troviamo lo squalo (50 morti all’anno), che l’avventato Spielberg ha reso protagonista delle inquietudini di molti  nel fare il bagno in alto mare – compreso il sottoscritto. Che poi, a dire il vero, 50 morti all’anno sono una vendetta cristiana alla “porgi l’altra guancia”, se consideriamo che l’uomo di squali ne uccide 73 milioni all’anno…
Al quinto posto, con 500 decessi causati, troviamo l’elefante. Ma anche in questo caso, il nostro amico pachiderma orecchiuto è più che parsimonioso, dato che 38 milioni di elefanti ogni anno muoiono a causa nostra.
Quarta posizione per il coccodrillo che, per vendicare i propri simili divenuti borsette e cinture, assale mortalmente 1.000 uomini all’anno.
Il terzo gradino del podio della pericolosità è occupato dal minuscolo ma letale scorpione (5.000 morti), mentre sul secondo striscia l’animale preferito da Donatella Rettore: il cobra (100.000 decessi).
E la medaglia d’oro a chi va? Tigri, leoni, pantere, lupi, grizzly, anaconde? No! Al primo posto ronza il nemico mortale di ogni notte estiva: la maledetta, rumorosissima zanzara che a causa del plasmodio della malaria, di cui è portatrice, causa 2 milioni di morti all’anno.
Curiosità: la caduta delle noci di cocco dagli alberi porta a circa 150 morti annuali. Quindi occhio quando andate ai Caraibi 😉 altro che pirati!)

IL PIU’ VELOCE

Il falco pellgrino

Il falco pellgrino, il più veloce!

Lo Schumacher degli abissi è il pesce vela che con i suoi 110 km orari è quasi due volte più veloce del delfini che viaggiano a 61 km/h.
In terra, è notorio, l’animale più rapido è il ghepardo (114 km orari): corre circa tre volte più veloce del giamaicano Usain Bolt.
E ora… qual è l’uccello più veloce? Eh eh 😉 senza scivolare in facili e giurassiche battute anatomiche, il volatile, nonché l’animale in assoluto più veloce, è il falco pellegrino, che in picchiata tocca i 314 km all’ora. In altre parole, va più veloce della Freccia Rossa che in tre ore percorre la tratta Milano/Roma.
L’animale più lento? Ovviamente la lumaca, e più precisamente la lumaca carnivora. Il famelico gasteropode con i suoi 0,9 metri orari, impiega 46 giorni per percorrere un solo chilometro.

PRIMATI VARI

Giraffa

La Giraffa del Safari Park

La giraffa spicca decisamente per efficienza, avendo essa bisogno di soltanto 1,9 ore di sonno, mentre il pipistrello bruno, al contrario, è capace di dormire per 19,9 ore al giorno.

Il Cyrano de Bergerac degli animali, quello con il nasco più lungo, è l’elefante africano la cui proboscide arriva a misurare 2,4 metri. Sempre lo stesso animale ha le orecchie più grandi che esistano: 4 mq di padiglione auricolare.

E le corna più lunghe del mondo di chi sono? Lasciando per un momento da parte il gossip politico, appartengono al muflone di Marco Polo, che le ha avvolte in una spirale di 190 cm.
Primatista di salto in alto è il puma (la marca che fabbrica scarpe ci ha visto proprio
bene in termini promozionali), con 7 metri d’altezza senza rincorsa; mentre per il salto in lungo il record è diviso tra antilope e leopardo: entrambi arrivano a saltare circa 15 metri. Primati che poi sarebbero polverizzati nel caso nascesse una pulce mutante… l’insetto, così com’è, salta in alto 25 cm (160 volte il suo corpo) e in lungo 35 cm (220 volte la sua taglia).

Infine, si dovrebbe cambiare il detto “bisognerebbe avere quattro occhi”… c’è chi fa meglio anche della saggezza popolare. Alcueni tipi di ragno arrivano ad avere anche 8 occhi.

E il “porcellum”? Molto probabilmente è il più vorace, quello che mangia di più… in entrambe le specie suina e politica… (lol)

SEGUI MARCO DI NOIA SU TWITTER
RESTA AGGIORNATO SUGLI ARTICOLI DEL BLOG ABBONDANDOTI AI FEED RSS

Marco di Noia – Fan Page Ufficiale | Promote Your Page Too

  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Google Bookmarks
  • Google Buzz
  • Tumblr
  • Yahoo! Buzz
  • RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *