Vi presento Vincenzo Gardani!

Nasce il progetto live acustico in duo con il trentenne pianista e direttore d’orchestra siculo-meneghino.

La recente ospitata al Festival “Ci siamo anche noi” di Cernusco sul Naviglio mi ha fornito lo spunto per presentarvi una nuova collaborazione artistica. Di fatto, per la prima volta, proprio in occasione della kermesse del 27 maggio, mi sono esibito accompagnato dal bravissimo pianista, nonché scalpitante direttore d’orchestra, Vincenzo Gardani.

Vincenzo Gardani & Marco di Noia

Vincenzo Gardani & Marco di Noia

Come l’ho conosciuto? Un segno del destino…

Solcando il web per cercare un insegnante di piano che desse lezioni nella mia zona, mi sono imbattuto in tale Vincenzo Gardani.

Sul punto di chiamarlo, ho riattacco, dato che stavo ancora aspettando una risposta dal mio vecchio insegnante con cui non mi trovavo con gli orari.

Il sabato successivo mi sono recato con la mia ragazza allo ”all-you-can-eat-11 euro” sushi restaurant, che si trova a 2 minuti da casa.

I camerieri nipponici (con forte sospetto che fossero in realtà cinesi) ci hanno indicato un tavolino, accanto al quale un omone elegantemente vestito stava degustando una sorta di gamberone fritto…

Siccome i tavolini appiccicati l’uno accanto all’altro favoriscono la socializzazione, la mia ragazza, incuriosita dal manicaretto orientale, ha domandato al vicino di posto: “Potrei chiederle come si chiama la portata che sta mangiando?”. Dopo averci risposto, il neoconosciuto figuro, con roboante generosità da “all-you-can-eat” ;-), ci ha offerto uno dei preziosi crostacei in pastella.

Così, abbiamo attaccato bottone, prendendo a parlare di uramaki, foglie di zenzero e sashimi.

“Una volta ho portato a cena un musicista giapponese bla, bla, bla…”, ci ha raccontato con professional distacco, facendo indugiare la mia mente sulla foto del myspace di quel maestro di piano, che avevo preso in considerazione per le lezioni.
La lampadina mi si è accesa manco fossi il più tonto degli Homer Simpson:

“Ma sei per caso un musicista?” gli ho chiesto.  “Sì, sono un direttore d’orchestra”, mi ha risposto ponendo un forte accento su “direttore d’orchestra” ;-). “E dai per caso lezioni di piano?”

Lo avrete sicuramente intuito: sorte ha voluto che mi stessi abbuffando di sushi e uramaki al philadelphia proprio al tavolino di fianco al quale si nutriva con pari voracità il maestro di piano che intendevo chiamare per le lezioni.

Ma non finì lì. Parlando, ho scoperto che Vincenzo abita più o meno dall’altra parte della strada rispetto a casa mia, ha fatto le stesse scuole elementari che ho fatto io; come me è un fan di De André e ha la raccolta omnia dei cd degli amati Queen!

E ancora non finisce qui. Andando a casa sua ho scoperto che il suo coinquilino, Marco, per circa due anni, è stato il mio partner di judo in età adolescenziale, e che uno dei suoi amici ha giocato a pallone insieme a me nella squadra del quartiere.

Il gioco è fatto! In pochi incontri è nato il progetto live “Marco di Noia & Vincenzo Gardani”, che si direbbe essere stato orchestrato (per usare un termine che piacerebbe a Vincenzo) dalla bacchetta del fato.

……

 

  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Google Bookmarks
  • Google Buzz
  • Tumblr
  • Yahoo! Buzz
  • RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *